Vittoria in trasferta sul campo di Porto Torres per i campioni in carica. Domenica match point a Desio.

I campioni d’Italia in carica della UnipolSai Briantea 84 Cantù ribaltano subito il fattore campo nella serie di finale Scudetto nel campionato di basket in carrozzina e vanno a vincere gara 1 in casa del GSD Porto Torres, conquistandosi il match point per fregiarsi nuovamente del tricolore già domenica prossima a Desio, in gara 2.

In un Palazzetto dello Sport Alberto Mura gremito e rumoroso, gli ospiti vincono in volata 64 a 61 contro un indomito GSD Porto Torres grazie ad una straordinaria prova corale, con ben 8 giocatori andati a canestro, guidati dalla coppia Adolfo Damian Berdun (20 punti per l’argentino, con 4 pesanti bombe da tre) e Jordi Ruiz, che segna 14 punti in soli 10 minuti, tra cui il canestro che si rivelerà decisivo alla fine. La Briantea 84 Cantù conduce per tutti e 40 i minuti, ma ogni volta che sembra poter piazzare la fuga decisiva (+7 nel corso del secondo quarto, +11 nel terzo quarto), il GSD Porto Torres trova la forza per rientrare, nonostante una profondità di panchina non paragonabile ai rivali (solo 7 giocatori impiegati) ed una giornata al tiro non eccelsa del proprio miglior marcatore (Matt Scott, che chiuderà con un 6/14 dal campo, sfiorando comunque la tripla doppia con 16 punti, 11 rimbalzi e 9 assist, nonostante la difesa perfetta su di lui di Amhed Raourahi). I canestri di puro orgoglio di Fabio Raimondi (11 punti per il veterano) e della giovane stella inglese George Bates (24 punti) riportano i padroni di casa ad un solo possesso di distanza negli ultimi 5 minuti di partita: per quattro volte Porto Torres avrà l’occasione di raggiungere un pareggio che però rimarrà solo un miraggio. La Briantea non sbaglia, con tre pesanti canestri a firma Papi e Ruiz nei momenti finali. A Porto Torres non rimane che il disperato tentativo di Matt Scott di pareggiare da centrocampo, ma la preghiera dell’americano e dei tifosi sardi si infrange sul primo ferro, a siglare la prima sconfitta in questo campionato.

“Porto Torres ha fatto un grande campionato e sapevamo che oggi non sarebbe stata facile”, commenta al termine Marco Bergna, coach della Briantea: “Ma i ragazzi sono stati grandi e a loro faccio i miei complimenti. Abbiamo trovato lo giuste rotazioni nel corso della partita e questo ci ha permesso di avere sempre un uomo fresco su cui puntare. Ora vogliamo chiudere la serie in gara 2 per festeggiare davanti al nostro pubblico”.

Il secondo appuntamento delle Finali Scudetto è per domenica 21 maggio alle 18, nell’inedito scenario del PalaDesio, scelto dalla Briantea 84 per l’ultima partita casalinga di una stagione fin qui vissuta ad altissimi livelli. 

 

GARA 1

GSD Porto Torres – UnipolSai Briantea 84 Cantù 61 a 64 (18-20; 16-15; 10-16; 17-13).

GSD Porto Torres (Bates 24, Scott 16, Raimondi 11, Pratt 8, Di Francesco 2, Ion, Puggioni).

UnipolSai Briantea 84 Cantù (Berdun 20, Ruiz 14, Santorelli 8, Bell 7, Sagar 5, Raourahi 4, Papi 4, Carossino 2, Morato). 

0
0
0
s2sdefault